0a68ff_600ee84b1e974d638262917af67d0f22~

Cos'è l'OGiPaC

L'OGiPaC, Osservatorio giuridico sulla tutela del patrimonio culturale, nato all'interno del Centro di Eccellenza in Diritto europeo "Giovanni Pugliese" dell'Università degli studi Roma Tre, è ad oggi una delle realtà più attive del Dipartimento di Giurisprudenza.


L'OGiPaC risponde all'esigenza di individuare un riferimento per lo studio della tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, settori sempre più strategici sia sul piano nazionale che sovranazionale. L'attuale fase storica vede, infatti, crescere la sensibilità e l'attenzione per il patrimonio culturale non solo in termini di sua conservazione e trasmissione ai posteri, ma quale risorsa di sviluppo economico e di politica sociale: un mezzo raffinato di integrazione fra gli abitanti sempre più multietnici e plurireligiosi.

In tale contesto, l'OGiPaC si pone come strumento di studio ed ausilio per coordinare i plurimi piani della regolazione del patrimonio culturale (normative, giurisprudenza, prassi e buone pratiche) nazionali, internazionali e comunitarie. Ciò con specifico, ma non esclusivo, riferimento alle discipline giuridiche, in modo tale che risulti adeguatamente messo in rilievo il nesso inscindibile fra la tutela e la valorizzazione, quali poli di un rapporto biunivoco imposto da un bene, quello culturale, che va tutelato per essere appieno 'fruito' nel presente e nel futuro, e nel contempo valorizzato: conosciuto, apprezzato, goduto, adeguatamente utilizzato e reso produttivo, per essere meglio tutelato. In tal senso, va messa nell'opportuna luce la interdisciplinarietà scientifica del tema che coinvolge profili storico-culturali e religiosi, sociali, economici, politici, così da investire ogni branca del diritto (costituzionale, civile, penale, amministrativa, commerciale, gius-lavorista, tributaria, fiscale, giurisdizionale etc).


Finalità specifiche dell'OGiPaC sono: l'analisi delle normative nazionali, internazionali comunitarie afferenti il bene culturale, comunque qualificato (storico, artistico, archeologico, religioso, ambientale, paesaggistico etc.), con particolare riguardo all'aspetto delle soluzioni adottate per la tutela e la valorizzazione; l'analisi degli strumenti tecnico-giuridici messi in campo per la tutela e la valorizzazione del bene in ogni branca del diritto, con attenzione anche alle 'buone pratiche'. A tal fine l'OGiPaC intende promuovere progetti di ricerca sul tema, riservati in particolare a giovani studiosi, nonché iniziative scientifiche che favoriscano un confronto interdisciplinare, giuridico ed extra-giuridico, sullo stato delle normative, facendosi promotore di interventi di revisione e/o integrazione dello status quo, e/o di utili strumenti tecnico-giuridici attuativi delle normative vigenti.

Nell'ambito delle proprie competenze, finalità ed obbiettivi, l'OGiPaC si apre alla collaborazione con tutti gli operatori del settore, pubblici e privati, e con quanti altri condividano il comune interesse per la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale.

  Barbara Cortese

Direttore dell'OGiPac
 

«Sarà come membro di questa repubblica generale delle arti e delle scienze, e non come abitante di tale o tal'altra nazione, che discuterò di questo interesse che tutte le parti hanno alla conservazione del tutto. Qual è quest'interesse? È quello della civiltà, del perfezionamento dei mezzi della felicità e del piacere, dell'avanzamento e del progresso dell'istruzione e della ragione, del miglioramento, infine, della specie umana».

Antoine Ch. Quatremère de Quincy, Le lettere a Miranda, (lett. I).

IN RILIEVO

11 novembre 2021, 0re 16.30 palazzo Altemps, Presentazione degli ultimi tre volumi della collana editoriale QdM –Quaderni dei Master, dell’Università degli Studi Roma Tre in collaborazione con il Ministero della Cultura, il Comando, Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, il Distretto Tecnologico per i beni Culturali (DTC) – Centro di Eccellenza della Regione Lazio,  OGiPaC, dedicati a temi sensibili della tutela del patrimonio culturale, quali la contraffazione, la sicurezza, la circolazione e l’etica di mercato.

 Approvata in Commissione cultura Senato la Risoluzione sulla restituzione dei beni culturali illecitamente esportati. Un passo avanti importante verso il contrasto al fenomeno e la sua prevenzione

Pubblicato il bando per i Master di II livello proposti dall'Università degli Studi Roma Tre per la formazione di esperti in tutela e valutazione del patrimonio culturale

Traffici d'arte all'ombra della pandemia: il resoconto del dossier "Attività Operativa 2020" del TPC

new.png

BACHECA EVENTI

Convegno: il Diritto dei Beni Culturali, in memoria di Paolo Giorgio Ferri - Discussione delle proposte selezionate a seguito della call for papers in tema di Diritto dei Beni Culturali

Giovedì 27 Maggio - dalle ore 10:00